Escursione alla Malga Cavallo

Il tragitto Ponticello – Malga Cavallo è una bellissima escursione per camminatori appassionati e per gente che ama la natura. Il sentiero largo è facile da superare anche per principianti con costanza e delle scarpe adatte.

Indicazioni generali:
•    Salita: 2,5-3 ore
•    Discesa: 1,5-2 ore
•    Dislivello: 650m

Percorso del sentiero e particolarità:
Punto di partenza è il parcheggio di Ponticello (1.491 m), che è raggiungibile con l’auto o con l’autobus. Da qui si prende il percorso sulla destra, passando il monumento degli Alpini. Dopo questo sentiero largo e facile, il percorso inizia a diventare sempre piú ripido. Successivamente si percorre il tragitto con numerose curve e tanta salita. Dopo aver fatto 2/3 del percorso si raggiunge il „Löwenbankl“, che è stato costruito apposta per i tifosi della squadra da calcio “Löwen 1866”.

Da qui si prosegue il percorso per la Malga Cavallo. Il sentiero sterrato è esposto prevalente al sole, così si puó godere il bel tempo ma fa anche tanto caldo. Circondati da numerose larici, betulle, pinie piú in alto da cirmoli si prosegue in salita.Durante il cammino di due ore ci sono diverse possibilitàper riposarsi e osservare con orgoglio il percorso fatto. Passando alle vacche pascolanti si arriva sulla piccola pianura del rifugio Malga Cavallo che si trova esattamente su 2.164 m. Il rifugio è circondato da prati verdi e da massicci, quindi la baita originale invita a fermarsi e a riposarsi.

Siccome al nuovo rifugio stanno facendo lavori in corso, si potrá pranzare ancora nella baita originale finché i lavori non sono conclusi. La nuova baita probabilmente aprirá l´anno prossimo, dove sará possibile fermarsi sulla terrazza a godersi il sole. Questo ristoro offre delle pietanze tipiche fatte in casa, e il pastore “Hebs” aspetta gli ospiti per dargli il benvenuto con un grappino al cirmolo. Mentre si pranza si puó ammirare la tranquillità della malga e con il suo bel paesaggio.

La Malga Cavallo è anche punto di partenza per molte escursioni come il Giavo Grande (2.480 m),

Lo smeraldo delle Dolomiti

Il Lago di Braies è, a detta di molti, il più bel lago delle Dolomiti con pareti di roccia e boschi che cadono letteralmente a picco nell’acqua verde bottiglia. In primavera l’acqua assume un colore verde polare, mentre in inverno rispecchia i colori dei larici.

Bild

La cosiddetta “perla” si trova nello stupendo parco Naturale Fanes-Senes-Braies. Il lago è punto di partenza di passeggiate, escursioni d’alpinismo in ogni stagione dell’anno. Per fare il giro del lago si può partire sulla destra, passando vicino ad una piccola chiesetta all’ombra di larici, abeti e pini. La parte est della passeggiata sale e scende costeggiando il lago, nel quale si specchia la Croda del Becco. Altre escursioni partendo dal Lago di Braies sono: il sentiero n. 1 Croda del Becco, il sentiero n. 58 Sasso del Signore, il sentiero n. 19 Malga Foresta, l’Alta Via n. 1 per nominarne alcune.

La natura è il miglior parco giochi dei bambini che in riva possono scoprire i misteri della natura, possono fare un giro con la barca per conoscere da vicino questo splendido lago o godere la bella natura con un picnic sul prato. Non ci sono parole per descrivere tanta bellezza!

Curling Cup 2012

Dal 3 al 5 febbraio 2012 si è svolto il I° Torneo Internazionale Open Air Curling Cup in Alto Adige, con 150 partecipanti di 8 nazioni diverse, sulla superficie ghiacciata del pittoresco Lago di Braies.

Questo evento è stato organizzato del Curling Club di Villabassa con l’aiuto di tanti volontari.

Venerdì e sabato le partite sono state giocate dalle ore 09.00 fino alle ore 15.45, domenica le qualifiche generali dalle ore 09.00 alle ore 11.30. La manifestazione si è conclusa con la la premiazione alle ore 14.00.


Per tutti gli spettatori, per ogni età, venivano offerte vari intrattenimenti: i piccoli potevano provare a spingere i sassi sul ghiacchio, fare un giro intorno al lago sulla slitta trainata dai cavalli, gli adulti avevano la possibilità di fare un’escursione con gli sci d’alpinismo, oppure di visitare il Museo di RIPA di Reinhold Messner, per tutti i buon gustai è stata organizzata una degustazione di vino, speck e formaggi o una degustazione di dolci tipici dell’Alto Adige.

Il programma serale consisteva venerdì nella “Südtirol Night” e sabato nel “Südtirol Curling Cup Gala dinner”, due perfette manifestazioni culinarie.

Il team Lago Santo Cembra/Mosaner ha vinto la prima edizione della Südtirol Curling Cup 2012. Con l’organizzazione del Curling Club Villabassa e i loro volontari il I° Torneo Internazionale Open Air 2012 per tutti i partecipanti resterà per sempre un esperienza indimenticabile.

Autore: Stephanie Bettoni, collaboratrice dell’Associazione Turistica della Valle di Braies