Festa di San Nicolo


San Nicola era vescovo a Mira nell’Asia Minore, le cui spoglie furono trafugate da mercanti baresi, che le portarono a Bari, dove fu eretta la Basilica in suo onore. Patrono della cittá di Bari, della Russia , della Grecia dei navigatori e anche dei fanciulli. Per questo motivo in Alto Adige il 6 dicembre viene festeggiato dai bambini, che aspettano con ansia questo giorno, in cui St. Nikolaus (San Nicolò) passa di casa in casa lasciando dei doni per i più piccini. Viene accompagnato dal suo servo Ruprecht e da un angelo; porta con sé un “librone d’oro”, dove sono segnate tutte le virtù dei bimbi ed i piccoli difetti. A coloro che sono stati bravi viene consegnato un sacchetto rosso contenente vari dolciumi. I meno bravi ricevono una frusta di rami secchi, ornata con piccoli fiocchi rossi.

Intorno al 5 dicembre vari gruppi di ragazzi travestiti da „Krampus“ (diavoli) girano per i paesi dell’Alto Adige. Sono coperti con pelli di pecora portano in testa un’enorme maschera di legno intagliato con grandi corna. In vita hanno grandi cinturoni, a cui sono legati diversi campanacci, in mano portano le catene e le fruste. Correndo per le strade fanno un assordante rumore, che incute paura a grandi e piccini.

In altri tempi St. Nikolaus veniva accompagnato dal diavolo, simbolo del male e delle tenebre. Portava ai bambini dei sacchetti di carta crespata rossa, contenenti mandarini, arachidi e biscotti speziati, doni molto apprezzati in quanto i mandarini non si trovavano prima di dicembre e soprattutto non erano alla portata di tutti. I biscotti speziati, i „Lebkuchen“, per questa occasione venivano comprati – erano ricoperti da una glassa di zucchero e tanti minuscoli granellini colorati, anch’essi di zucchero – a differenza da quelli fatti in casa, preparati la prima domenica d’Avvento per la festa di Natale – ornati solamente con poche mandorle sbucciate. Le spezie usate – cannella e chiodi di garofano – ricordavano posti esotici, portando in casa il profumo dell’oriente e dei paesi meridionali, da cui provenivano anche le arachidi e dove San Nicola aveva vissuto.

Annunci

3 thoughts on “Festa di San Nicolo

  1. Pingback: Sfilata di Krampus in Alto Adige « Alta Pusteria Blog

  2. la spegazione su st. nikolaus è abbastanza esauriente…. sarebbe bello se potete introdurre un racconto formato storia a portata di bambino su St. Nikolaus…..è utile per noi genitori poter preparare i bimbi all’evento…….

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...